Associazione Arma Aeronautica Sezione Roma 2 Luigi Broglio

Fonte: Formiche.net, di Stefano Pioppi, 1 novembre 2019. “Un inquadramento organico e un approccio onnicomprensivo ai temi della Difesa”. Intervista al generale Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione Icsa, sulle linee programmatiche del ministro Lorenzo Guerini “Lo spartito della Difesa suona finalmente senza stonature”. È la sintesi di Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione Icsa e già capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, delle linee programmatiche della Difesa presentate da Lorenzo Guerini alle commissioni competenti di Camera e Senato. E se, oltre l’audizione, va “bene” la presa di posizione sugli F-35, è “positivo” anche l’inserimento del g2g nel decreto fiscale. Restano dubbi sulla possibilità di aumentare effettivamente gli investimenti per il settore, seppure è incoraggiante “aver messo a fuoco il problema del disequilibrio delle voci di bilancio”. Generale, quale è il suo giudizio sulle linee programmatiche del dicastero targato Lorenzo Guerini? Il giudizio è decisamente positivo. Non ho trovato alcun punto debole nella visione organica. Ho visto un ministro della Difesa non ministro “del duale” o della Protezione civile. È un primo sospiro di sollievo ………. To read the full article click here
Fonte: Start Magazine, di Alessandro Sperandio, 30 ottobre 2019. Il numero uno di Boeing Dennis Muilenburg lo ha ammesso di fronte al Congresso: l’azienda commise errori nello sviluppo del suo 737 Max, l’aereo al centro dei due incidenti in Etiopia e Indonesia nel giro di pochi mesi, costato la vita a 346 persone. E i senatori hanno accusato la compagnia di aver anteposto il profitto alla sicurezza. MUILBERG SOTTO TORCHIO AL CONGRESSO In un’audizione durata più di due ore, i membri della commissione Commercio del Senato hanno “torchiato” Muilenburg sui problemi di sicurezza nell’aereo e per non aver informato sufficientemente i piloti sui cambiamenti eseguiti sul nuovo modello il cui primo esemplare debuttò nel 1967, scrive Cnbc, evidenziando che poiché “l’aereo era un progetto modificato, Boeing fu in grado di commercializzarlo più velocemente rispetto al fatto che si trattasse di un aereo completamente nuovo”…… To read the full article click here
Credit: Flightglobal.com, by Greg Waldron, Singapore Sept. 25th, 2019 Boeing has entered a partnership with an Australian government research group to help design and test artificial intelligence (AI) in unmanned systems

The company says that the partnership with Australia’s Trusted Autonomous Systems Defence Cooperative Research Centre (DCRC) aims to “create smarter unmanned systems for global forces. Embedding machine learning techniques on-board will help unmanned systems better understand and react to threat environments.”

The DCRC was set up in 2017 to work with industry in order to bring “smart-machine technologies” to the country’s military…..

To read the full article click here

Image: Artist impression of Air Teaming System
$36.7 million contract from the U.S. Navy to develop and demonstrate a next-generation, dual band Fiber-Optic Towed Decoy Source: BAE Systems press release, October 28th, 2019 BAE Systems announced a $36.7 million contract from the U.S. Navy to develop and demonstrate a next-generation, dual band Fiber-Optic Towed Decoy (FOTD) to protect aircraft and pilots from advanced threats. BAE Systems’ FOTDs are radio-frequency countermeasure systems that provide robust self-protection capabilities for any aircraft, including fighters, bombers, and transports. The company’s Dual Band Decoy development work is intended to expand the capabilities of its combat-proven AN/ALE-55 FOTD. “Our towed decoys enable pilots to execute missions in highly contested airspace,” said Tom McCarthy, Dual Band Decoy Program Director at BAE Systems. “ALE-55 FOTD is a reliable,….. To read the full press release click here  

Fonte: Start Magazine, di Daniele Ranieri, 11 novembre 2019.

 

 

I numeri degli attacchi dello Stato islamico a Kirkuk (Iraq) nel 2019 consigliano di non legare l’attacco a quello che succede in Siria, quindi all’offensiva turca o al ritiro Usa. Gli attacchi dello Stato islamico che aumenteranno a causa di quegli eventi sono altrove. Il post di Daniele Raineri (Il Foglio) tratto dal suo profilo Facebook

“I nostri ragazzi”. Sentire il ministro Di Maio (33 anni) che chiama i militari feriti della Task Force 44 “i nostri ragazzi” è patetico. Sono professionisti che hanno superato una selezione molto dura, hanno un livello di competenza molto alto e operano all’estero (in inglese, a volte nelle lingue locali) in partnership con altre forze militari. I feriti di ieri hanno un’età media più alta di quella del ministro. L’obbligo di leva è finito sedici anni fa, la retorica dovrebbe adeguarsi ai tempi.

L’attacco dovrebbe essere avvenuto a sud di Kirkuk, che è una città nel nord-est dell’Iraq – anche se in realtà il luogo non è ancora chiaro. A sud di Kirkuk c’è la zona dei monti Hamrin, un’area un po’ appenninica tanto per capirsi, una sequenza di colline ripide e disabitate e pianure aride che va avanti per decine di chilometri verso…..

To read the full article click here