Associazione Arma Aeronautica Sezione Roma 2 Luigi Broglio

Difesa: il “flop” del ministro Trenta.

Fonte: Analisi Difesa, editoriale di Gianandrea Gaiani, 7 giugno 2019.

Contestazioni e polemiche che non hanno risparmiato la cerimonia del 2 Giugno, screzi tra le diverse forze armate, scollature tra vertici politici e militari della Difesa e un clima di sfiducia senza precedenti sono gli ingredienti che rappresentano l’apice della crisi che ha investito la Difesa dopo l’insediamento a Palazzo Baracchini del ministro Elisabetta Trenta.

A discapito della sua autoproclamata (ma celebrata anche da molti giornali) esperienza nel settore specifico, la Trenta in realtà ha effettuato richiami come riservista in Iraq e Libano occupandosi di cooperazione civile militare, non di pianificazione o gestione operativa, né purtroppo sembra comprendere le dinamiche legate all’industria nazionale della Difesa e all’acquisizione degli equipaggiamenti.

Certo il vertice politico non deve per forza essere anche un “tecnico” ma dopo un anno di chiacchiere incentrate per lo più sul tema degli asili nido nelle caserme, ricongiungimenti famigliari e sindacalizzazione dei militari (senza con questo volerne sminuire la rilevanza) il ministro Trenta non ha saputo incidere positivamente sul “core business” del suo dicastero.

Nessuna decisione è stata assunta circa il taglio o meno della commessa per 90 caccia bombardieri statunitensi F-35 (promesso da M5S) così come nessuna risposta è stata data alla lettera con cui il suo ………..

To continue reading click here

Lascia un commento

N.B. I commenti sono riservati agli utenti iscritti alla Newsletter e ai soci.

Se sei iscritto alla newsletter accedi tramite questo modulo. Se sei un socio, clicca qui