Associazione Arma Aeronautica Sezione Roma 2 Luigi Broglio

Conte bis: difesa, le missioni internazionali che servono.

Fonte: Affari Internazionali, 19 Set 2019 - Alessandro Marrone

Questo è il primo di una serie di due articoli scritti da Alessandro Marrone per evidenziare aspetti essenziali della politica di difesa italiana, sui fronti delle missioni internazionali e dell’impatto industriale, nel momento in cui il Governo Conte bis inizia ad operare.

Il Ministero della Difesa ha più importanza di quanto appaia sui media, a patto che il titolare ne sappia sfruttare il potenziale. In questa chiave si può fare molto in ambito transatlantico, nel quadro europeo e nell’arco di crisi che dal Sahel all’Afghanistan ha un impatto diretto o indiretto sulla sicurezza e gli interessi nazionali.

Stabilizzazione e partenariati dall’Africa al Medio Oriente …
Il punto di partenza è che le forze armate non dovrebbero intervenire in Italia per attività di sicurezza interna o protezione civile se non nei casi di emergenza previsti dalla normativa vigente. Sgombrato il campo da visioni distorte dello strumento militare, due sono gli aspetti chiave della politica di difesa: quello operativo e quello della politica industriale.

Sul fronte operativo, da decenni l’impegno nelle missioni internazionali persegue da un lato interessi nazionali direttamente collegati al teatro di intervento, quali la stabilizzazione di regioni importanti per l’Italia, dal Kosovo alla Libia. In quest’ultima la presenza militare a Misurata e Tripoli va meglio inserita in una strategia complessiva ……

 

To read the full article click here

Lascia un commento

N.B. I commenti sono riservati agli utenti iscritti alla Newsletter e ai soci.

Se sei iscritto alla newsletter accedi tramite questo modulo. Se sei un socio, clicca qui